top of page
07075_TOMASINO_COVER_17X24_09052022-1 - Copia.jpg
c_edited1_edited.jpg
c_edited1.jpg
il segreto.jpg
nuovo.jpg
66375_TOMASINO_COVER_ALETTE_14X20_10122021- 3.jpg
9788831671330.jpg

racconti

copertina.jpg

 poesie

9788827831854.jpg
9788831645041 (1).jpg
9788827832745.jpg
04888_TOMASINO_COVER_14X20_13022019 (2)-
ti parlerò.jpg
9788827831472.jpg
9788827831465.jpg

 storielle

cover.jpg
9788827836644 (2).jpg
9788827831458 (2).jpg
9788831613248.jpg
50268_TOMASINO_COVER_13X20_02102018-1.jp
9788831637596.jpg

romanzi

libri storici e fotografici

07075_TOMASINO_COVER_17X24_09052022-1 - Copia.jpg
02913_TOMASINO_COVER_23X17_05112020_C-1
9791220324625.jpg
9788827833292.jpg

 english

Un giallo coinvolgente, introspettivo e romantico...un'opera nuova che scava nei meandri della mente e del cuore della giovane protagonista. Giovane, troppo giovane per raccontarla dall'esterno, l'incredibile Rosetta, troppo giovane e vulcanica per riuscire ad abbracciare l'immensità dei suoi pensieri e delle sue sensazioni...

Gaetano Di Chiara

Letizia Tomasino è una scrittrice che senza ricorrere ad artifizi riesce a raccontare delle storie anche dolorose ma rispettando le variegate sfaccettature dell'animo umano, ponendoti spunti di riflessione e di conseguente crescita personale non da poco. È un talento della scrittura da seguire con interesse, sono certa che ci riserverà belle sorprese.

Paola Di Natale

Il libro e' un giallo dai toni erotici, molto ben congegnato e puo' essere descritto come Agatha Christie incontra Xaviera Hollander nella provincia siciliana.

Ernesto Tomasini

  I MIEI LIBRI 
c_edited1_edited
nuovo
Listener (4)
il segreto
coper (2)_modificato
Listener (3)
Mi è arrivata oggi una mail con il risul
Ecco l'ultimo nato dalla mia penna
Palermo in... racconti
il segreto.jpg

Tutto cominciò col ritrovamento del cadavere.

Una ragazza. Dentro il confessionale dell’unica chiesa del piccolo paese in provincia di Palermo.

Il corpo della giovane era stato scoperto dal parroco della chiesa di San Matteo, padre Pino.

Ninetta, la donna più anziana e devota del paese gli aveva chiesto se potesse confessarla subito perché aveva un peccato fresco fresco di giornata e si voleva levare di corsa il pensiero. Padre Pino si era svegliato da poco e aveva consumato solo il caffè, aspettava la perpetua che gli venisse a preparare la colazione, poi il suono del campanello l’aveva scosso e aveva risposto al citofono. Non poteva essere la signora Pia, la perpetua, perché lei possedeva le chiavi della sacrestia. Rispose e poi guardò l’orologio: erano le sei del mattino.    La signora Ninetta, da quando gli era morto il marito, non aveva altro da fare che stare a pregare e a confessarsi per un nonnulla.

Pazientemente, il prete scese le scale e aprì il portone della piccola chiesa annessa alla sacrestia, non tutto, ma soltanto quella porticina a misura di uomo che i portoni spesso contengono in se stessi, e disse alla signora Ninetta di aspettare che accendesse le luci. Si trascinò verso l’altare. Il suo sguardo fu attirato da un  particolare che lo fece girare dal lato del confessionale: c’era una scarpa rossa che penzolava fuori dalla tenda. In un primo momento pensò che a qualcuno dei fedeli fosse caduto quel sandalo, andò per prenderlo nella penombra, ma all’atto di afferrarlo si rese conto che c’era anche un piede ad accompagnare quella calzatura, si spaventò e andò subito all’interruttore per accendere la luce. La signora Ninetta si stava già inginocchiando pronta per essere confessata, Il prete la prese per un braccio e la condusse alla porta.

«È meglio che aspetti fuori».

«Cosa è successo?», chiese la donna.

Il prete, pallido, la fissò a lungo: «Credo qualcosa di orribile», e così dicendo si precipitò verso il gabbiotto di legno del confessionale per scostare la tendina. La signora Ninetta lo seguì, in punta di piedi. Era una donna curiosa.   

La rappresentazione, atroce, che si presentò agli occhi di padre Pino fu quella di una ragazza che conosceva, seduta nel piccolo scranno ove si sedeva per le confessioni; nuda, ma con quei sandali rossi ai piedi ormai smunti. Aveva l’addome aperto; i seni asportati e in bocca un pene di gomma. Richiuse di scatto la tenda e scantonò a chiamare i carabinieri nella vicinissima caserma, dimenticando la presenza della parrocchiana mattiniera. La signora Ninetta, mentre il prete usciva, si avvicinava e scostava anche lei la tenda, tanta era la curiosità di vedere chi c’era lì dentro. Quando, dopo una infinità di secondi, comprese che era Rosetta, la figlia diciassettenne della sua vicina di casa, cominciò a gridare e scappò anche lei, avendo cura di chiudere il portone della chiesa, a dare la notizia a tutto il paese.

 Booktrailer dei libri

bottom of page